NOTIZIE

Il futuro della Santa Chiara

Il futuro della Santa Chiara

L' Opinione di Giancarlo Dillena Presidente dell'Associazione delle Cliniche Private Ticinesi Pubblicato il mercoledi 12 maggio 2021 sul Corriere del Ticino

Abbiamo chiesto il lavoro ridotto ma è arrivato un niet

Abbiamo chiesto il lavoro ridotto ma è arrivato un niet

Giancarlo Dillena fa il punto sulla collaborazione tra pubblico e privato in ambito ospedaliero Presidente dell'Associazione delle Cliniche Private Ticinesi Pubblicato il martedì 4 maggio 2021 nel Corriere del Ticino

01.02.2021 Gli attori del pubblico e del privato nella sanità

01.02.2021 Gli attori del pubblico e del privato nella sanità

Leggete il nostro ultimo articolo apparso sul Corriere del Ticino del 01.02.2021, scritto da Giancarlo Dillena, Presidente ACPT https://acpt.ch/wp-content/uploads/2021/02/20210201_CdT_Gli-attori-del-pubblico-e-del-privato-nella-sanita.pdf

Messaggio del Presidente

Messaggio del Presidente

In un sistema sanitario la qualità delle cure offerte al paziente è e deve costituire il punto di riferimento essenziale di ogni valutazione. Se il sistema svizzero è riconosciuto come uno dei migliori del mondo questo è dovuto anche alla sua impostazione di base,...

DOMANDE E RISPOSTE

D: Perché le cliniche private sono finanziate dallo stato?

R: 

Lo stato valuta regolarmente il fabbisogno di cure della popolazione e verifica nello stesso tempo la capacità delle strutture ospedaliere a soddisfarlo. Sulla base di queste analisi si fonda la pianificazione ospedaliera.

Tramite essa lo stato attribuisce agli ospedali e alle cliniche dei mandati di prestazioni per la presa a carico dei pazienti in ambito stazionario e per determinate specialità nel quadro dell’assicurazione malattie obbligatoria (LAMal). Dal 2012 la LAMal prevede che le prestazioni che sono oggetto di un mandato vengano pagate in parte dallo stato (55%) e in parte dagli assicuratori (45%) e questo indipendentemente dalla natura pubblica o privata della struttura ospedaliera. Quindi in realtà:

  • Solo le cliniche e ospedali alle quali sono stati attribuiti dei mandati di prestazioni (quindi quelli che figurano sulla lista ospedaliera cantonale) ricevono una retribuzione dallo stato
  • Parliamo di retribuzione perché essa corrisponde al pagamento di prestazioni effettivamente erogate (sempre ed esclusivamente nel quadro dei mandati attribuiti).
  • Questo pagamento è parziale (55% della fattura), l’altra parte essendo coperta dall’assicurazione malattia.

 

D: Il prezzo delle prestazioni è uguale tra una struttura ospedaliera e l’altra?

R:

Per gli ospedali acuti, il modo di calcolare il prezzo delle prestazioni in ambito stazionario a carico dell’assicurazione obbligatoria è uguale in tutta la Svizzera. Si utilizza un sistema chiamato “Swiss DRG“ che si basa sulle patologie che vengono diagnosticate al paziente al momento del ricovero. Il risultato di questo primo calcolo è un numero di punti che va moltiplicato per un coefficiente per essere trasformato in prezzo. Questo coefficiente, chiamato “Base Rate“, è diverso a seconda della struttura ospedaliera e di fatto è più alto negli ospedali pubblici rispetto alle cliniche private. Quindi in realtà:

  • A caso uguale (stesso paziente nello stesso momento) il prezzo fatturato da una clinica privata sarà significativamente più basso di quello che sarebbe stato fatturato da un ospedale clinico
  • A prestazioni uguali le cliniche private costano quindi meno degli ospedali privati.
D: Ma cosa cambia se sono assicurato semi privato o privato?

R:

L’assicurazione complementare, in regime semi privato o privato, è un complemento all’assicurazione obbligatoria di base. In regime ospedaliero dà accesso a delle prestazioni alberghieri superiori, come ad esempio la camera individuale o una maggiore scelta per la ristorazione. Sia gli ospedali pubblici sia le cliniche private hanno un’offerta riservata ai pazienti semi-privati e ai pazienti privati. Mentre la base viene pagata in parte dallo stato e in parte dalle assicurazioni, la parte complementare è coperta solo dalle assicurazioni.

RASSEGNA STAMPA